PER FESTEGGIARE IL 100° ARTICOLO DEL SITO, INTERVISTA ESCLUSIVA CON IL MANAGER MARCO NANNI

di GIDEON 12

 

Alla fine anche il nostro sito ha raggiunto quota numero 100, come articoli scritti e pubblicati. Un grande risultato che abbiamo l’onore di festeggiare insieme al Manager della Fortitudo Baseball, Marco Nanni. In questa intervista abbiamo spaziato dal baseball italiano a quello americano, senza tralasciare l’argomento più caldo dell’inverno: il mercato.

 

GIDEON 12: Ciao Marco 

MARCO NANNI: Ciao a tutti.

 

GIDEON 12: Il 7 Gennaio, la squadra ha incominciato gli allenamenti in vista della prossima stagione. In cosa consiste il lavoro?

MARCO NANNI: La squadra ha iniziato il lavoro di pesistica e di preparazione atletica la prima settimana di Novembre.

Dal 7 Gennaio oltre a una o due sedute settimanali di palestra gli allenamenti sono presso il Centro giovanile di Casteldebole dove c’è una struttura coperta che ci permette di battere e far lanciare i pitcher. Al momento il lavoro consiste prevalentemente nei fondamentali di lancio e di battuta, e quando il tempo permette di usare il campo anche sulla difesa.

 

GIDEON 12: Tra meno di quattro mesi inizierà il campionato. Cosa ne pensi dell’uso del tie break in caso di extra-inning (il manager sceglie il battitore e mette in prima e seconda i due che lo precedono nel lineup, quindi si gioca con 1 eliminato) ? Ti sembra una scelta utile per il baseball italiano?

MARCO NANNI: Si, dopo il 10 inning quest’anno ci sarà la novità del tie-break, novità che a livello tecnico non condivido.Gli extra inning ci sono sempre stati e fanno parte del fascino del Baseball.

 

GIDEON 12: Sempre riguardo alla prossima stagione, come ti pare questo mercato invernale? Secondo te, qual è la squadra che si è mossa meglio in questa prima parte? 

MARCO NANNI: Al momento la squadra che si è mossa meglio è il Parma, ha rinforzato il monte, ha ripreso Chapelli il 4 in battuta che l’anno scorso gli mancava ed ha inserito giocatori esperti e validi come Carvajal e Balentina. E’ sicuramente la formazione che ad oggi ha speso di più, ma anche il Reggio Emilia e il Nettuno si sono molto rinforzate.

 

GIDEON 12: E riguardo alla Fortitudo che cosa ci puoi dire? Su alcuni siti è apparsa la notizia dell’acquisto di Ribeiro Perez, lanciatore venezuelano di passaporto portoghese. E’ una notizia ufficiale?

MARCO NANNI: Ribeiro è uno dei giocatori comunitari e oriundi che stiamo seguendo, è un ragazzo giovane di buone doti tecniche, già dalla prossima settimana vedremo di decidere qualcosa, ma al momento il budget fa da padrone.

 

GIDEON 12: Alcune voci di mercato, danno in partenza da Bologna alcuni giocatori (tipo Milano o Austin), di grande caratura per la squadra. Notizie fondate o semplici dicerie?

MARCO NANNI: Milano è assolutamente incedibile, è una bandiera della Fortitudo. Austin è andato via da Bologna con un contratto in tasca, è anche vero che se la situazione riguardo al main sponsor non si sblocca, tutto è possibile.

 

GIDEON 12: Pochi giorni prima all’inizio dell’IBL 2009, la Fortitudo disputerà il girone di qualificazione della European Cup 2009, a Matino. Per quale motivo è stata scelta questa città come località dove disputare il girone?

MARCO NANNI: La scelta di Matino non è stata nostra ma è stata della Fibs. Noi stiamo facendo lavori di ristrutturazione degli spogliatoi sotto le tribune e presto inizieranno anche i lavori nel campo e quindi non abbiamo le garanzie che il tutto sia pronto per la fine di Marzo.

Personalmente devo dire che Matino è una buona soluzione, andremo a giocare con una buona temperatura, cosa importante visto che giocheremo 5 partite in 5 giorni ad inizio stagione.

 

GIDEON 12: Parlando delle avversarie che la Fortitudo dovrà affrontare, chi ti spaventa di più? Gli olandesi del Kinheim o i Campioni d’Italia del San Marino? O il Barcellona, possibile outsider? 

MARCO NANNI: Hai detto tutto te, il Kinheim e il S.Marino sono sicuramente le avversarie più pericolose e attrezzate, ma anche le altre tre sono avversari temibili, per di più giocheremo 3 delle 5 partite come squadra ospite: sarà una settimana dura!!

     

GIDEON 12: Facendo un piccolo salto oltreoceano in MLB, cosa ne pensi dei grandi acquisti degli Yankees, che in un colpo solo hanno acquistato CC Sabathia, AJ Burnett e Mark Teixeira? Secondo te con l’inserimento di questi campioni, riusciranno i Bronx Bombers a vincere il titolo?

MARCO NANNI: Se ci riusciranno nessuno lo può dire, però hanno risolto i loro problemi del monte di lancio, motivo per cui negli ultimi anni non hanno vinto.

 

GIDEON 12: Nella passata intervista, ci hai svelato la tua passione verso due telefilm: NCIS e Criminal Minds, ambedue trasmessi su Raidue. Cosa ti ha colpito maggiormente del primo? Cosa pensi che accadrà dopo il scioglimento della squadra avvenuto alla fine della quinta stagione? 

MARCO NANNI: Beh NCIS è più divertente di Criminal Minds e la gestione del gruppo di Gibbs è ottima.

Sono rimasto male per come è finita la serie, mi aspettavo la morte del Direttore ma non lo scioglimento della squadra. Spero che dopo un paio di puntate si ricomponga.

   

GIDEON 12: Parlando invece di Criminal Minds, cosa ti piace di questa serie? Pensi che l’uscita di Jason Gideon, abbia influito sul telefilm o il nuovo personaggio di David Rossi ha mantenuto il livello sempre elevato?

MARCO NANNI: Mi piace come viene usato il thriller nel telefilm. A me piaceva più Gideon, più studioso della psiche e conoscitore dell’uomo rispetto a Rossi, che in queste prime puntate mi sembra ascolti più il suo istinto e le esperienze vissute.

 

GIDEON 12: Grazie mille per la disponibilità Marco.

MARCO NANNI: Grazie a te.

 

Criminal MindsMarco NanniNCIS

I TELEFILM PREFERITI DA MARCO NANNI (AL CENTRO) SONO CRIMINAL MINDS E NCIS AMBEDUE IN ONDA SU RAIDUE.

 

Annunci

MERCATO 2009: RIBEIRO PEREZ ALLA FORTITUDO?

di GIDEON 12

 

Secondo voci di mercato, la nostra Fortitudo avrebbe acquistato Yulman Asdrubal Ribeiro Perez, lanciatore venezuelano con il passaporto portoghese che lo scorso anno ha lanciato per il Viladecans in Spagna. Ecco le statistiche della passata stagione: 4 vittorie, 5 sconfitte, 90.2 riprese lanciate, 25 basi per ball, 90 eliminazioni al piatto effettuate, 1.99 di media Pgl. Perez sarà utilizzato nella gara dove potranno lanciare i giocatori italiani, quelli di scuola estera con passaporto italiano e, novità di quest’anno, quelli con passaporto comunitario.

SI CHIUDE IL 2008, ANNO VINCENTE IN CASA BIANCOBLU’. RIGUARDIAMOLO, INSIEME, IN QUESTA TOP-TEN

di GIDEON 12

Se parliamo di baseball MLB, il 2008 è stato un anno di grandi eventi. Squadre come i Tampa Bay Rays che ribaltano il peggior record della lega con un’annata super arrivando fino alle World Series, i Philadelphia Phillies che vincono l’anello dopo anni di digiuno, facendo esultare una città che non festeggiava un titolo dal 1983. E se queste due squadre hanno fatto la storia in positivo, c’è invece chi l’ha fatta in negativo, ovvero gli Yankees, per la prima volta fuori dai Playoff dal 1993 e che hanno visto la distruzione anche dello Yankee Stadium, “lo stadio che Babe Ruth costruì”.

 

Se invece parliamo di baseball IBL, ci ricorderemo di questo anno come l’anno in cui una squadra straniera, il San Marino, ha vinto il campionato italiano e di come la Danesi Nettuno ha riportato l’Italia sul tetto d’Europa, vincendo l’European Cup 2008.

Anche la nostra Fortitudo, però, ha vissuto un anno da protagonista vincendo la Coppa Italia e tornando, dopo due anni di assenza, in Europa.

Ed ecco, dunque, una top ten dei momenti più belli di questa stagione agonistica “biancoblù”.

10. “BARBECUE”

Lo ha detto anche Richard Austin nella sua intervista…l’affiatamento e il gruppo è stato creato anche mediante i barbecue che la società organizza una volta alla settimana. Si mangia bene e ci si diverte…cosa si pretende di più?

 9. “GLI IRRIDUCIBILI”

Li potete vedere in ogni trasferta, sia in quelle di tre giorni (in campionato) o in quelle di uno solo (Poule Scudetto e Coppa Italia). Potete infatti ammirare il gruppetto di 10/20 tifosi, che sostengono sempre la squadra in trasferta, sia con il bel tempo sia con la pioggia, sia quando si vince sia quando si perde, perché per loro la Fortitudo Baseball è una fede. Applausi.

8. “NEXT GENERATION”

Il 7 giugno 2008 la Fortitudo e tutto il movimento italiano hanno scoperto un nuovo campione: Francesco Alaimo. Il seconda base, infatti, chiamato a giocare titolare il sette giugno contro il San Marino per una serie di assenze dovute ad infortuni, ha risposto alla grande battendo come “un fabbro” e aiutando la squadra a cogliere due importanti vittorie. Se Super Checco sarà un elemento portante della Fortitudo che verrà, chi invece lo è già è sicuramente Juan Pablo Angrisano, che al debutto nella massima serie nel difficile ruolo di ricevitore, ha mostrato a tutti la propria bravura e le proprie capacità. Da ricordare anche in questo 2008, la prima vittoria in carriera in A1 di Riccardo Paoletti (contro il Redipuglia, il 10 Maggio) e l’esordio in prima squadra di Riccardo Fornasari, importante nella vittoria della Coppa Italia. Se il buon giorno si vede dal mattino…

7. “LA VECCHIA GUARDIA”

Se gli acquisti di giocatori come Austin, Bautista, Cillo (miglior lanciatore oriundo del campionato), Mazzuca, Vargas, hanno aggiunto qualità alla squadra, grande merito va comunque dato alla cosiddetta “vecchia guardia”, capace di regalarci l’ennesima grande stagione. Liverziani, Capitan Frignani, Pantaleoni, Matos, Connell, Landuzzi, Gasparri, Betto, Milano, Bonci, D’Angelo, George: li abbiamo solo noi….

6. “MVP! MVP! MVP!”

E’ lui il miglior giocatore dell’IBL 2008. Arrivato all’ultimo minuto, Richard Austin è piano piano diventato l’idolo dei tifosi a suon di fuoricampo (ben 13) e di grandi giocate difensive (vi ricordate Rimini?). E gli altri numeri, come media battuta (.420), RBI (57) dimostrano semplicemente una cosa…MVP!!

5. “DURI A MORIRE”

Dopo un avvio inguardabile di Poule Scudetto, servono tre vittorie su tre gare per qualificarsi alla finale scudetto e la Fortitudo incontra allo Steno Borghese il Nettuno. E’ una gara stupenda, giocata in maniera intensa dalle due squadre, ma alla fine, dopo dieci riprese di gioco, è la squadra laziale ad avere la meglio, eliminando di fatto Bologna. Ma quello che bisogna ricordare è soprattutto la forza e il cuore che i giocatori biancoblù ci hanno messo per vincere. Duri a morire.

4. “15 GAMES”

E’ durata dal 19 aprile al 24 maggio 2008, per un totale di 35 giorni l’imbattibilità della Fortitudo in campionato. Quindici partite di dominio assoluto, culminate con la tripletta di Grosseto e che solo il Nettuno, dopo ben 17 riprese ha saputo interrompere. Devastanti.

3. “EUROPA STIAMO ARRIVANDO”

Dopo la disfatta in Poule Scudetto a Grosseto, sarebbe stato difficile per chiunque ritornare sullo stesso campo e giocarsi l’accesso in Europa. E infatti l’avvio della seconda gara della semifinale di Coppa Italia contro il Grosseto lo dimostra appieno, poiché i maremmani sono già sul quattro a zero nelle prime riprese. Ed è qui che “gli attributi” biancoblù” escono allo scoperto. La Fortitudo realizza un big inning da nove punti e con i fuoricampo di Gasparri e Bonci vince partita e serie. Non solo. Ritorna nuovamente in Europa dopo due anni. Bentornati.

2. “VENI. VIDI. VICI.”

Come l’Impero Romano, la valanga Fortitudo colpisce anche la Toscana, precisamente Grosseto dove i “cavalieri biancoblù” capitanati dall’abile stratega Marco Nanni, nella gara del venerdì, prima, sfatano il tabù Mikkelsen, demolendolo di valide (ben 17) e poi quando la battaglia sembrava persa in gara due, danno sfoggio delle proprie capacità e guidati dal “cecchino” Rayner Bautista (due fuoricampo negli extra inning) e dal “gladiatore” Fabio Milano hanno la meglio sugli avversari. La definitiva resa toscana si ha nella terza gara, quando la Fortitudo, guidata da un concreto Alfred Delgado schiaccia l’avversario e fa tripletta allo Jannella (non succedeva da anni). I cavalieri che fecero l’impresa.

1. “DUE ANNI DOPO”

Se escludiamo i due Blue F Ball vinti, nella bacheca biancoblù mancava un trofeo dal 2005 anno dello Scudetto. Con la vittoria della Coppa Italia 2008, i “Nanni Boys” hanno colmato questa lacuna dimostrando ancora una volta il loro valore. E peccato di non aver portato a casa il tricolore, ma intanto un primo tassello è stato completato. E nel 2009, oltre al campionato, c’è anche l’European Cup…..

E con questa Top Ten, il sito Grandeslam AUGURI AI SUOI VISITATORI UN VINCENTE 2009 !!!!