PLAYERLIST: E’ IL TURNO DEL COACH MAURO BRANDOLI A RACCONTARE LA SUA GRANDE PASSIONE PER LA MUSICA

di GIDEON 12

Prendendo spunto dall’omonima rubrica in onda su Sky Sport, la nostra “Playerlist” vede un giocatore della Fortitudo Baseball raccontare il suo rapporto con la musica, elemento che ci accompagna quotidianamente in ogni azione che facciamo, e stilando, tra le altre cose, una personale top-three delle canzoni preferite.
L’intervistato di oggi è il Coach Mauro Brandoli.

GIDEON 12: Ciao Mauro.
MAURO BRANDOLI: Ciao a tutti.

GIDEON 12: La Musica è elemento portante nella vita di tutti, in quanto ad un determinato evento si associa una determinata canzone. Qual è il tuo rapporto con essa?
MAURO BRANDOLI: Dici la verità, in quanto anche io spesso associo una canzone ad una cosa vissuta o che sto vivendo. Ascolto molti generi di musica anche se alcuni non centrano niente con gli altri. Passo dal latino al rock, da Vasco Rossi a Renato Zero, dal blues alla musica africana senza problemi. Ho sempre ascoltato musica e ad un certo punto avevo tentato di mettere su una band con alcuni amici dove io suonavo la chitarra (non troppo bene a dir la verità). Purtroppo mancava il tempo libero e non abbiamo continuato.

GIDEON 12: E riguardo al baseball? Si vede molte volte che i giocatori, prima della gara, si caricano ascoltando canzoni varie. Era così anche per te quando eri un giocatore?
MAURO BRANDOLI: Quando giocavo la musica mi rilassava e nello stesso tempo alcuni pezzi aiutavano a caricarmi. Mi ricordo che una volta ero in difficoltà sul monte di lancio: ho sentito un pezzo ad una festa vicina, un pezzo bello carico. Ho fatto tre strike out ed ho chiuso l’inning senza danni.

GIDEON 12: E’ stato un anno magico per la Fortitudo che ha vinto il suo ottavo Scudetto in Finale contro il San Marino. Con quale canzone assoceresti questo anno fantastico?
MAURO BRANDOLI: Senza dubbio il nostro “inno” che ci ha seguito per tutta la stagione è stato “I Know You Want Me”, canzone portata da Richard Austin.

GIDEON 12: E ora parliamo dei tuoi gusti musicali: quale genere di musica ascolti?
MAURO BRANDOLI: A dire la verità ultimamente non ascolto troppa musica. Ma come ho detto prima un pò di tutto con un particolare occhio anzi “orecchio” per il rock.

GIDEON 12: Sei un grandissimo fan di Bruce Springsteen. Cosa ti piace del “Boss”?
MAURO BRANDOLI: Beh il boss è il boss. Ho assistito a sei dei suoi concerti in Italia. E’ carichissimo. Una forza della natura. E poi ha fatto dei pezzi incredibili soprattutto agli inizi della sua carriera.

GIDEON 12: Qual’è la tua top three songs?
MAURO BRANDOLI: “In Fondo Al Mar” (dal film La Sirenetta), Una Zebra a Pois ed ultima ma non meno importante la canzone che hanno scritto per Berlusconi per il premio Nobel per la pace. Tutte e tre hanno dei contenuti intelligenti.

 

ECCO LA (VERA) TOP THREE SONGS DI MAURO BRANDOLI:

BORN TO RUN” (1975), di BRUCE SPRINGSTEEN, dall’album “Born To Run”

MAURO BRANDOLI: Nato per correre e spiega tutto, per esempio, la strofa: “Someday girl, I don’t know when, we’re gonna get to that place where we really want to go and we’ll walk in the sun”

Sono romantico e sognatore….

 

SALLY” (1996), di VASCO ROSSI, dall’album “Nessun Pericolo per Te”

MAURO BRANDOLI: E’ una canzone dedicata ad un’amica che non c’è più.

 

I WANNA BE WITH YOU” (1999), di BRUCE SPRINGSTEEN, dall’album “18 Tracks”

MAURO BRANDOLI: In questa canzone, il Boss è particolarmente “incazzato” verso gli stereotipi della nostra società , un pò come me….

 

GIDEON 12: Siamo arrivati all’ultima domanda. Nella musica è possibile fare dei “remix” alle canzoni passate, modificandole e cambiandone il testo o il ritmo. Se ti fosse possibile, cosa avresti modificato del Mauro Brandoli giocatore?
MAURO BRANDOLI: Non saprei. La mia carriera rappresenta quello che ho saputo fare. Purtroppo ho cominciato tardi (avevo 15 anni) senza un vero campo ed un vero allenatore.
Vedremo nella prossima vita….

GIDEON 12: Grazie mille per la disponibilità.
MAURO BRANDOLI: Grazie a te.

Annunci

PLAYERLIST: TOCCA AL MANAGER BIANCOBLU’ MARCO NANNI RACCONTARCI I SUOI GUSTI MUSICALI

di GIDEON 12

Prendendo spunto dall’omonima rubrica in onda su Sky Sport, la nostra “Playerlist” vede un giocatore della Fortitudo Baseball raccontare il suo rapporto con la musica, elemento che ci accompagna quotidianamente in ogni azione che facciamo, e stilando, tra le altre cose, una personale top-three delle canzoni preferite.
L’intervistato di questa settimana è il Manager Marco Nanni.

GIDEON 12: Ciao Marco.
MARCO NANNI: Ciao a tutti.

GIDEON 12: La Musica è elemento portante nella vita di tutti, in quanto ad un determinato evento si associa una determinata canzone. Qual è il tuo rapporto con essa?
MARCO NANNI: Il mio rapporto con la musica è sicuramente molto positivo, in quanto l’ascolto sempre. Di conseguenza posso dire che anche nel mio caso si può associare ad ogni fatto della propria vita, sportiva o privata che sia.

GIDEON 12: Parliamo dei tuoi gusti musicali, quale genere di musica ascolti?
MARCO NANNI: Praticamente ogni genere, soprattutto la musica di tipo commerciale. L’uncio genere che non mi entusiasta è quello Heavy Metal.

GIDEON 12: Da Manager della Fortitudo, svelaci quale genere di musica impazza in spogliatoio.
MARCO NANNI: Al momento ascoltiamo principalmente musica latina ed e Hip Hop, che sono sempre molto gettonate tra gli stranieri ma anche tra noi italiani.

GIDEON 12: Si vede molte volte che i giocatori, prima della gara, si caricano ascoltando canzoni varie. E’ stato così anche per te, quando giocavi?
MARCO NANNI: Sì, succedeva a volte. Inoltre mi ricordo che, quando giocavo a Modena, durante il viaggio per arrivare al campo modenese, ero solito ascoltare Money For Nothing dei Dire Straits. Mi caricava molto.

GIDEON 12: E proprio questa canzone appare nella tua playerlist.
MARCO NANNI: Proprio così, insieme ad altre due canzone a me molto care.

ECCO LA TOP THREE SONGS DI MARCO NANNI:

LOGICAL SONGS” (1979) dei SUPERTRAMP, dall’album “Breakfast in America”

MARCO NANNI: E’ una canzone che adoro in quanto mi ricorda molto la mia gioventù, periodo in cui ero solito ascoltarla.

MONEY FOR NOTHING” (1988) dei DIRE STRAITS, dall’album “Money for Nothing”

MARCO NANNI: I Dire Straits sono uno dei miei gruppi preferiti e di conseguenza ho scelto questa canzone, sempre molto bella. Inoltre mi ricorda l’esperienza che ho fatto a Modena, in quanto ero solito ascoltarla nel tragitto per arrivare al campo da gioco..

TI PRENDO E TI PORTO VIA” (2001) di VASCO ROSSI, dall’album “Stupido Hotel”

MARCO NANNI: Vasco è sicuramente il cantante che mi piace di più e di conseguenza ho sscelto questa canzone che adoro.

GIDEON 12: L’ultima domanda. Nella musica è possibile fare dei “remix” alle canzoni passate, modificandole e cambiandone il testo o il ritmo. Se ti fosse possibile, cosa avresti voluto modificare del Marco Nanni giocatore?
MARCO NANNI: Avrei sicuramente migliorato la corsa, qualità che mi sarebbe piaciuta possedere e che adoro vedere nei giocatori..

GIDEON 12: Grazie mille per la disponibilità.
MARCO NANNI: Grazie a te.

PLAYERLIST: TOCCA A FABIO MILANO, MIGLIOR CLOSER DELL’IBL, SVELARCI I SUOI GUSTI MUSICALI

di GIDEON 12

Prendendo spunto dall’omonima rubrica in onda su Sky Sport, la nostra “Playerlist” vede un giocatore della Fortitudo Baseball raccontare il suo rapporto con la musica, elemento che ci accompagna quotidianamente in ogni azione che facciamo, e stilando, tra le altre cose, una personale top-three delle canzoni preferite.
L’intervistato di questa settimana è Fabio Milano.

GIDEON 12: Ciao Fabio.
FABIO MILANO: Ciao a tutti.

GIDEON 12: La Musica è elemento portante nella vita di tutti, in quanto ad un determinato evento si associa una determinata canzone. Qual è il tuo rapporto con essa?
FABIO MILANO: Della musica mi piace tutto e, non a caso, l’ascolto sempre. E’ una mia grande passione.

GIDEON 12: E riguardo al baseball? Si vede molte volte che i giocatori, prima della gara, si caricano ascoltando canzoni varie. Vale la stessa cosa anche per te?
FABIO MILANO: Dentro lo spogliatoio ascolto la musica prima dell’inizio della gara ma non mi carica più di tanto in quanto entro in campo più tardi essendo il closer della squadra.

GIDEON 12: Parlando, invece, dei tuoi gusti musicali, quale genere di musica ascolti?
FABIO MILANO: Diciamo che ascolto tutti i generi di musica, escluso il genere heavy metal. Mi piacciono molto l’hip hop e il rap.

GIDEON 12: E’ da molto tempo che sei in Italia e di conseguenza sarai venuto a contatto con la musica italiana. C’è un qualche cantante italiano che ti ha colpito in particolare?
FABIO MILANO: Sicuramente Tiziano Ferro, per il tipo di musica che fa e che mi piace molto, e poi anche Ligabue e Vasco Rossi.

GIDEON 12: Guardando le canzoni da te scelte nella tua playerlist, hai optato il genere hip hop, unendolo al genere rock.
FABIO MILANO: Esattamente.

ECCO LA TOP THREE SONGS DI FABIO MILANO:

“SATELLITE” (1994) dei DAVE MATTHEWS BAND dall’album “Under The Table and Dreaming”

FABIO MILANO: E’ probabilmente una delle mie canzoni preferite, eseguita da una grandissima band.

 

“GIVEN UP” (2007) dei LINKIN PARK, dall’album “Minutes to Midnight”

FABIO MILANO: E’ la canzone che ho quando salgo sul monte di lancio. Mi piace molto ed è realizzata da un gruppo musicale che ascolto parecchio: i Linkin Park.

 

“SWAGGA LIKE US” (2008) di JAY Z &T.I. feat KANYE WEST & LIL WAYNE, dall’album “Massive Hip Hop”

FABIO MILANO: E’ una canzone molto bella che mi carica molto ed è realizzata da quattro grandi cantanti.

 

GIDEON 12: L’ultima domanda. Nella musica è possibile fare dei “remix” alle canzoni passate, modificandole e cambiandone il testo o il ritmo. Se ti fosse possibile, cosa modificheresti di Fabio Milano giocatore?
FABIO MILANO: Cercherei sicuramente di migliorare la mia velocità ottenendo così un ottimo mix tra la velocità, che avevo soprattutto da giovane e che ora sta calando, e il controllo che ho appreso nel corso degli anni.

GIDEON 12: Grazie mille per la disponibilità.
FABIO MILANO: Grazie a te.

PLAYERLIST: SUPERCHECCO ALAIMO CI SVELA LE SUE PREFERENZE MUSICALI

di GIDEON 12

Prendendo spunto dall’omonima rubrica in onda su Sky Sport, la nostra “Playerlist” vede un giocatore della Fortitudo Baseball raccontare il suo rapporto con la musica, elemento che ci accompagna quotidianamente in ogni azione che facciamo, e stilando, tra le altre cose, una personale top-three delle canzoni preferite.
L’intervistato di questa settimana è Francesco Alaimo.

GIDEON 12: Ciao Checco.
FRANCESCO ALAIMO: Ciao a tutti.

GIDEON 12: La Musica è elemento portante nella vita di tutti, in quanto ad un determinato evento si associa una determinata canzone. Qual è il tuo rapporto con essa?
FRANCESCO ALAIMO: Con la musica ho un rapporto molto positivo, in quanto l’ascolto sempre, praticamente in ogni cosa che faccio.

GIDEON 12: E riguardo al baseball? Si vede molte volte che i giocatori, prima della gara, si caricano ascoltando canzoni varie. Vale la stessa cosa anche per te?
FRANCESCO ALAIMO: Non credo che si possa parlare di caricarsi musicalmente, almeno parlando di me. Infatti non ascolto canzoni con l’intento di caricarmi, ma con l’obiettivo che mi diano una condizione mentale favorevole in vista della partita.

GIDEON 12: Parlando, invece, dei tuoi gusti musicali, quale genere di musica ascolti?
FRANCESCO ALAIMO: Diciamo che ascolto tutti i generi di musica, ma molto dipende anche dal momento e quindi posso, di conseguenza, variare molto nella scelta.

GIDEON 12: Nella passata intervista, ci avevi svelato di essere stato un insegnante di musica breakdance. Cosa ci puoi raccontare di questa esperienza?
FRANCESCO ALAIMO: Ballavo con un gruppo di amici per strada quando è stato aperto un centro giovani che, tra le altre cose, insegnava proprio a ballare musica breakdance. Mi hanno poi contattato per diventare insegnante e ovviamente ho accettato subito la proposta.

GIDEON 12: Guardando le canzoni da te scelte nella tua playerlist, hai optato per generi diversi tra loro.
FRANCESCO ALAIMO: Già, proprio così.

ECCO LA TOP THREE SONGS DI FRANCESCO ALAIMO:

“SHE’S COUNTRY” (2008) di JASON ALDEMAN, dall’album “She’s Country”

FRANCESCO ALAIMO: E’ una canzone che mi ha fatto sentire per la prima volta la mia ragazza e che mi ha consigliato di mettere quando vado nel box di battuta. Inoltre mi carica molto.

 

“SQUARE DANCE” (2002) di EMINEM, dall’album “The Eminem Show”

FRANCESCO ALAIMO: Eminem per me è un mito e inoltre questa canzone, che mi ha accompagnato lo scorso anno prima di andare in battuta, mi ha portato molto fortuna come risultati di gioco.

 

“WHAT YOU KNOW ” (2006) dei T.I. dall’album “King”

FRANCESCO ALAIMO: Canzone che mi piace molto, l’avevo scelta inizialmente come musica prima di andare in battuta, ma poi ho preferito mettere quella consigliatami dalla mia ragazza…

 

GIDEON 12: L’ultima domanda. Nella musica è possibile fare dei “remix” alle canzoni passate, modificandole e cambiandone il testo o il ritmo. Se ti fosse possibile, cosa modificheresti del Francesco Alaimo giocatore?
FRANCESCO ALAIMO: Cercherei sicuramente di migliorare la mia disciplina nel box, caratteristica dove presento ancora delle difficoltà.

GIDEON 12: Grazie mille per la disponibilità .
FRANCESCO ALAIMO: Grazie a te.

PLAYERLIST: TOCCA AL TERZA BASE BIANCOBLU’ GIOVANNI PANTALEONI RACCONTARCI I SUOI GUSTI MUSICALI

di GIDEON 12

Prendendo spunto dall’omonima rubrica in onda su Sky Sport, la nostra “Playerlist” vede un giocatore della Fortitudo Baseball raccontare il suo rapporto con la musica, elemento che ci accompagna quotidianamente in ogni azione che facciamo, e stilando, tra le altre cose, una personale top-three delle canzoni preferite.
L’intervistato di questa settimana è Giovanni Pantaleoni.

 

GIDEON 12: Ciao Panta.
GIOVANNI PANTALEONI: Ciao a tutti.

GIDEON 12: La Musica è elemento portante nella vita di tutti, in quanto ad un determinato evento si associa una determinata canzone. Qual è il tuo rapporto con essa?
GIOVANNI PANTALEONI: Sicuramente molto positivo. L’ascolto sempre, ultimamente soprattutto in palestra quando faccio esercizi.

GIDEON 12: E riguardo al baseball? Si vede molte volte che i giocatori, prima della gara, si caricano ascoltando canzoni varie. Vale la stessa cosa anche per te?
GIOVANNI PANTALEONI: Sì, ma oggigiorno è una cosa che mi succede meno, ma che comunque continuo a fare.

GIDEON 12: Parlando, invece, dei tuoi gusti musicali, quale genere di musica ascolti?
GIOVANNI PANTALEONI: Al momento sto ascoltando generi di musica “divertenti”come quella che fanno gli Ska-P, gruppo musicale che adoro, o anche Franz Ferdinand e Ben Harper, al momento i miei cantanti preferiti.

GIDEON 12: Nessuna loro canzone nella tua playerlist, però.
GIOVANNI PANTALEONI: Già, però ho scelto altre canzoni sempre molto belle.

 

ECCO LA TOP THREE SONGS DI GIOVANNI PANTALEONI:

“THE FINAL COUNTDOWN” (1986) degli EUROPE, dall’album “The Final Countdown”

GIOVANNI PANTALEONI: Questa canzone ricorda un periodo della mia infanzia, quando la ballavo continuamente e mio fratello rideva vedendomi. Quante risate!!!

 

“ENDS” (1999) degli EVERLAST, dall’album “Whitey Ford Sings the Blues”

GIOVANNI PANTALEONI: Seppure sia una canzone non “divertente” ma rilassata, ci sono molto legato in quanto mi ricorda l’esperienza in America fatta con Robert (Fontana NDR) e Christian Mura, in quanto la canzone era appena uscita negli States e di conseguenza era di “moda”.

 

“SEVEN NATION ARMY” (2003) dei WHITE STRIPES, dall’album “Elephant”

GIOVANNI PANTALEONI: Ho scelto questa canzone perché mi ricorda lo Scudetto vinto qui a Bologna nel 2005, anno in cui avevo questa canzone, prima di andare a battere. E’ anche la canzone della vittoria dei Mondiali, quindi…(ride). A parte quest’ultimo scherzo, è una canzone di un gruppo che mi piace molto e anche per questo ho deciso di metterla di nuovo prima di andare in battuta quest’anno.

 

GIDEON 12: L’ultima domanda. Nella musica è possibile fare dei “remix” alle canzoni passate, modificandole e cambiandone il testo o il ritmo. Se ti fosse possibile, cosa modificheresti di Giovanni Pantaleoni giocatore?
GIOVANNI PANTALEONI: Se potessi cambiare qualcosa di me, sicuramente migliorerei la pazienza nel box di battuta. Cercherei di selezionare maggiormente i lanci da battere e in questo modo sicuramente sarei meno discontinuo nel box, visto che alterno periodi dove batto ogni pallina e altri in cui non riesco mai ad arrivare in base.

GIDEON 12: Grazie mille per la disponibilità.
GIOVANNI PANTALEONI: Grazie a te.

PLAYERLIST: IL CAPITANO DI TANTE BATTAGLIE DANIELE FRIGNANI CI SVELA I SUOI GUSTI MUSICALI

di GIDEON 12

Prendendo spunto dall’omonima rubrica in onda su Sky Sport, la nostra “Playerlist” vede un giocatore della Fortitudo Baseball raccontare il suo rapporto con la musica, elemento che ci accompagna quotidianamente in ogni azione che facciamo, e stilando, tra le altre cose, una personale top-three delle canzoni preferite.
L’intervistato di questa settimana è il Capitano Daniele Frignani.

GIDEON 12: Ciao Lele.
DANIELE FRIGNANI: Ciao a tutti.

GIDEON 12: La Musica è elemento portante nella vita di tutti, in quanto ad un determinato evento si associa una determinata canzone. Qual è il tuo rapporto con essa?
DANIELE FRIGNANI: Il mio rapporto con la musica è sicuramente molto positivo, in quanto l’ascolto sempre: in macchina, al lavoro, a casa etc. Ascoltare la musica inoltre mi aiuta molto a pensare, a riflettere su azioni fatte o azioni che dovrò fare.

GIDEON 12: E riguardo al baseball? Si vede molte volte che i giocatori, prima della gara, si caricano ascoltando canzoni varie. E’ così anche per te?
DANIELE FRIGNANI: Quando ero giovane ero solito ascoltarla prima delle partite, anche perché mi caricava molto. Ora invece è un gesto che faccio di rado, anche perché mi adeguo alla musica che viene ascoltata in spogliatoio (ride).

GIDEON 12: E al momento cosa state ascoltando?
DANIELE FRIGNANI: Beh, ora che è arrivato Richard (Austin NDR) decide lui le canzoni, è il nostro deejay (ride). Diciamo che al momento mancando ancora una Hit di successo, in spogliatoio ascoltiamo ogni genere di canzoni, soprattutto caraibiche.

GIDEON 12: Parlando, invece, dei tuoi gusti musicali, quale genere di musica ascolti?
DANIELE FRIGNANI: Ogni genere, dalla musica italiana al rap: vario molto in base al periodo e allo stato d’animo

GIDEON 12: E proprio una canzone italiana appare nella tua playerlist.
DANIELE FRIGNANI: Proprio così, insieme ad altre due gemme musicali.

 

ECCO LA TOP THREE SONGS DI DANIELE FRIGNANI:

“URLANDO CONTRO IL CIELO” (1991) di LIGABUE, dall’album “Lambrusco, coltelli, rose & popcorn”

 

DANIELE FRIGNANI: Ligabue è, insieme a Vasco Rossi, il cantante italiano che mi piace di più e questa canzone mi ha colpito da subito.

 

“MONEY FOR NOTHING” (1988) dei DIRE STRAITS, dall’album “Money for Nothing”

 

DANIELE FRIGNANI: I Dire Straits sono uno dei miei gruppi preferiti e di conseguenza ho scelto questa canzone, bellissima, prima di andare in battuta. E’ fantastica.

 

“FOXY LADY” (1967) di JIMI HENDRIX, dall’album “Are You Experienced”

 

DANIELE FRIGNANI: Anche questa canzone è legata al mondo del baseball, in quanto fino al 2002, mi accompagnava al box di battuta. Di questa canzone adoro lo stacco della chitarra, eseguito in maniera splendida.

 

GIDEON 12: L’ultima domanda. Nella musica è possibile fare dei “remix” alle canzoni passate, modificandole e cambiandone il testo o il ritmo. Se ti fosse possibile, cosa modificheresti di Daniele Frignani giocatore?
DANIELE FRIGNANI: Prenderei le qualità che avevo da giovane, come la corsa e il fisico sempre sano e le aggiungerei alle qualità che possiedo ancora oggi.

GIDEON 12: Grazie mille per la disponibilità.
DANIELE FRIGNANI: Grazie a te.

PLAYERLIST: E’ IL TURNO DI JOE MAZZUCA A FARCI CONOSCERE I SUOI GUSTI MUSICALI

di GIDEON 12

Prendendo spunto dall’omonima rubrica in onda su Sky Sport, la nostra “Playerlist” vede un giocatore della Fortitudo Baseball raccontare il suo rapporto con la musica, elemento che ci accompagna quotidianamente in ogni azione che facciamo, e stilando, tra le altre cose, una personale top-three delle canzoni preferite.
L’intervistato di questa settimana è Joseph Mazzuca.

 

GIDEON 12: Ciao Joe.
JOSEPH MAZZUCA: Ciao a tutti

GIDEON 12: La Musica è elemento portante nella vita di tutti, in quanto ad un determinato evento si associa una determinata canzone. Qual è il tuo rapporto con essa?
JOSEPH MAZZUCA: Sicuramente positivo. Ascolto la musica spesso, per esempio durante le trasferte con la squadra o anche quando faccio palestra: mi tiene compagnia.

GIDEON 12: E riguardo al baseball? Si vede molte volte che i giocatori, prima della gara, si caricano ascoltando canzoni varie. E’ così anche per te?
JOSEPH MAZZUCA: Non nel mio caso. Penso che l’ascolto della musica possa caricare i giocatori in sport più veloci, come il football americano, dove c’è bisogno da subito di gran adrenalina per fare bene. Nel baseball, invece, essendo uno sport più tranquillo, dove hai molto tempo a disposizione penso che l’ascolto della musica non aiuti più di tanto, almeno sicuramente per me.

GIDEON 12: Parlando, invece, dei tuoi gusti musicali, quale genere di musica ascolti?
JOSEPH MAZZUCA: Tutti i generi. Vario dalla musica country a quella commerciale, da quella degli anni ’80 al rock. Mi piace molto anche la musica italiana, soprattutto Ligabue. Inoltre mi piacciono molto i The Eagles, band degli anni ’70, che ascoltavo durante le partite quando giocava mio padre.

GIDEON 12: Non hai però inserito nessun canzone di questo gruppo nella tua playerlist.
JOSEPH MAZZUCA: No, però ho scelto altre canzone, a mio avviso molto belle.

 

ECCO LA TOP THREE SONGS DI JOSEPH MAZZUCA:

“FAR AWAY” (2006) dei NICKELBACK, dall’album “All The Right Reasons”

JOSEPH MAZZUCA: Ho scelto questa canzone perché molte delle canzone che ascolto sono cantate da band, e i Nickelback sono una delle mie preferite. Questa canzone, tra le altre cose, è molto bella.

 

“I WISH YOU WERE HERE” (2001) degli INCUBUS, dall’album “Wish You Were Here”

JOSEPH MAZZUCA: E’ la canzone che ho prima di andare in battuta, molto bella e che mi da una certa carica. Anche questa è realizzata da una band che adoro.

 

“SUMMERTIME” (2005) di KENNY CHESNEY, dall’album “The Road and The Radio”

JOSEPH MAZZUCA: Da amante della musica country, non poteva mancare nella mia playerlist un canzone di Kenny Chesney, uno dei grandi esponenti di questo genere di musica. Oltre a lui, come cantante country, mi piace molto anche Bobby Lee.

 

GIDEON 12: Grazie mille per la disponibilità.

JOSEPH MAZZUCA: Grazie a te.