MENTRE SONO STATE STABILITE LE DATE DELLA PROSSIMA COPPA CAMPIONI, LA FORTITUDO BASEBALL RISULTA LA SQUADRA NUMERO UNO IN EUROPA

di GIDEON 12

DSC_3597La Fortitudo è la squadra europea più forte di questo 2009. E’ quanto ha stabilito l’autorevole sito internet Mister Baseball che ha elaborato, per il terzo anno consecutivo, il Ranking delle prime cinquanta squadre del batti e corri europeo.

DAVANTI A TUTTE Sono ben 2.33 punti a separare la squadra di Marco Nanni dai secondi classificati del Door Neptunus, fermi a quota 30.00, mentre il divario è ancora più ampio sulle altre squadre come il Konica Pioniers, al terzo posto attardato di ben 5.33 dai biancoblù.
I Campioni d’Italia sono l’unica squadra italiana presente nelle prime cinque posizioni, perchè il San Marino (qui considerata come squadra Campione del Monte Titano) e il Nettuno sono al sesto e settimo posto, addirittura superate dai Campioni di Francia del Rouen. Allora vi starete chiedendo, come è possibile che la squadra laziale che ha vinto la Coppa dei Campioni sia così indietro in questa classifica?

CRITERI DI VALUTAZIONE Questo ranking si basa su due criteri: il primo sulla storia della squadra e sull’importanza che ha in patria (campionati e coppe vinte, anni di militanza in prima divisione etc.), il secondo su quanto è accaduto in questo 2009, a livello internazionale e a livello nazionale. E la Fortitudo è la squadra che meglio si è comportata sia tra le italiane (il Nettuno, infatti, seppur vincitore dell’European Cup, non si è qualificato per i Playoff) sia tra le altre europee, perchè nessuna delle europee è andata così vicina ad una clamorosa doppietta come la squadra allenata dal Manager Marco Nanni.

ECCO LE PRIME 10 POSIZIONI DELLE CLASSIFICA

1 Fortitudo 1953 Bologna (Italia) 32.33
2 DOOR Neptunus (Olanda) 30.00
3 Konica Minolta Pioniers (Olanda) 27.00
4 L&D Amsterdam (Olanda) 26.50
Rouen Baseball 76 (Francia) 26.50
6 T&A San Marino (San Marino) 25.50
7 Danesi Caffe’ Nettuno (Italia) 25.33
8 Corendon Kinheim (Olanda) 25.00
Tenerife Marlins P.C. (Spagna) 25.00
10 Heidenheim Heideköpfe (Germania) 23.33

COPPA CAMPIONI 2010 Nella giornata odierna, inoltre, sono state stabilite le date e i luoghi dove si disputeranno i gironi di qualificazioni che decideranno i nomi delle quattro finalisti che si contenderanno il titolo nelle Final Four di Barcellona, in programma a settembre.
Sono state scelte (e soprattutto si sono dichiarate disponibili) le città di Rotterdam (Olanda) e Brno (Repubblica Ceca), che ospiteranno dal 2 al 6 giugno del prossimo anno le 12 squadre qualificate (6 per ogni girone).

ECCO LA LISTA DELLE SQUADRE QUALIFICATE (possono esserci cambiamenti):

DOOR Neptunus (Olanda)
AVG Draci Brno (Repubblica Ceca)
Fortitudo Bologna (Italia)
Telemarket Rimini (Italia)
T&A San Marino (San Marino)
Tenerife Marlins (Spagna)
CB Sant Boi (Spagna)
Rouen Huskies (Francia)
Savigny Lions (Francia)
Heidenheim Heidekoepfe (Germania)
Hoboken Pioneers (Belgio)
Tornado Balashikha (Russia)

ROAD TO BARCELLONA (14): GLI SCATTI DI LORENZO BELLOCCHIO CI RACCONTANO LE FINAL FOUR DI BARCELLONA (PARTE SECONDA)

di GIDEON 12

Concludiamo la rubrica Road To Barcellona con la seconda parte degli scatti fotografici realizzati da Lorenzo Bellocchio durante la trasferta spagnola di Barcellona.

La gara fotografata da Lorenzo è la finale di Final Four di Coppa Campioni vinta 1 a 0 dalla Caffè Danesi Nettuno contro la nostra Fortitudo.
Possibilità quindi, per i presenti a Barcellona e per i tifosi rimasti a casa, di (ri)vedere questa sfida nonostante l’esito negativo per i colori biancoblù, tramite le splendide fotografie di Lorenzo Bellocchio. Buona Visione!!!

 

 

Per vedere tutte le foto scattate da Lorenzo Bellocchio, cliccate qui .

* Questo video è stato inserito nella Playlist del sito www.baseball.it (29/6/2009).

ROAD TO BARCELLONA (13): GLI SCATTI DI LORENZO BELLOCCHIO CI RACCONTANO LE FINAL FOUR DI BARCELLONA (PARTE PRIMA)

di GIDEON 12

Si potrebbe definire un ritorno in grande stile quello di Lorenzo Bellocchio, importante fotografo dell’hinterland bolognese. Dopo il successo ottenuto lo scorso anno con le sue foto della regular season, eccolo di nuovo sul sito Grande Slam con nuovi scatti della stagione 2009 della Fortitudo Baseball.

La gara fotografata da Lorenzo è la semifinale di Final Four vinta 6 a 0 dalla nostra Fortitudo contro gli olandesi dell’Amsterdam.
Possibilità quindi, per i presenti a Barcellona e per i tifosi rimasti a casa, di (ri)vedere le gesta e le giocate dei giocatori Fortitudo, in queste splendide fotografie di Lorenzo Bellocchio. Buona Visione!!!

 

 

Per vedere tutte le foto scattate da Lorenzo Bellocchio, cliccate qui .

ROAD TO BARCELLONA (12): I GIOCATORI E LO STAFF FORTITUDO RINGRAZIANO I TIFOSI

da Barcellona (Spagna), GIDEON 12

Il Capitano della squadra Daniele Frignani, a nome suo, dei suoi compagni e di tutto lo staff tecnico biancoblù, tramite questo sito, vuole ringraziare tutti i tifosi che hanno sostenuto fino alla fine la squadra in questa trasferta spagnola.

ROAD TO BARCELLONA (11): COMMENTIAMO QUESTA FINAL FOUR 2009 INSIEME AL MANAGER BIANCOBLU’ MARCO NANNI

da Barcellona (Spagna), GIDEON 12

Alla vigilia, la Fortitudo era considerata dagli addetti ai lavori tra le meno accreditate alla vittoria finale della Coppa Campioni 2009 . I motivi erano semplici: l’assenza di una mazza e di un guanto importante come Garabito e un avversarira di semifinale, l’Amsterdam, davvero ostica e difficile da battere. E invece la squadra allenata da Marco Nanni ha sorpreso ancora una volta in positivo tutti. Ha “matato” gli olandesi 6 a 0, mostrando un baseball eccezionale ed è arrivata a 27 metri (la distanza di una base all’altra e quindi dalla terza base a casa base, dove si segnano i punti) dalla Coppa Campioni. Un risultato insperato ad inizio stagione, ma che, grazie alla capacità e la volontà dei giocatori e dello staff tecnico, è stato possibile. Ora bisogna guardare avanti perchè la stagione continua e il campionato diventa ora l’obbiettivo primario per Frignani e compagni.
Abbiamo parlato di questo e della Final Four di Barcellona con Marco Nanni, Manager biancoblù.

GIDEON 12: Ciao Marco.
MARCO NANNI: Ciao a tutti.

GIDEON 12: Due grandi gare quelle giocate dalla Fortitudo Bologna qui a Barcellona, con la Coppa sfuggita per poco. Cosa è mancato alla Fortitudo per vincere il titolo?
MARCO NANNI: In Finale non siamo riusciti a concretizzare le occasioni che abbiamo avuto nei primi inning dove Farnsworth era più scontrollato, negli inning successivi ha trovato fiducia e controllo mettendoci in difficoltà sopratutto con breaking-ball.

GIDEON 12: Sempre riguardo alla finale contro il Nettuno, c’è un motivo preciso di aver preferito far battere Mazzuca invece che fargli fare il bunt?
MARCO NANNI: Il primo motivo e che ho giocato per vincere la partita e non per pareggiare, poi se Joe avesse eseguito il bunt correttamente portando l’uomo in terza, credo che avrebbero passato in base Angrisano per far battere Lele e Breveglieri, cosi facendo avrei tolto la possibilità di battere sia a Mazzuca che ad Angrisano due mazze importanti per la Fortitudo, purtroppo non è andata bene, chissà se facendo il bunt sarebbe andata diversamente…

GIDEON 12: Nonostante la sconfitta, è stata una partita dei lanciatori. Un commento sulla partita di Ribeiro, Moreno, Milano e Farnsworth.
MARCO NANNI: Tutti e quattro hanno dominato i line-up avversari, ma un complimento particolare va a Yulman (Ribeiro NDR) che a 23 anni ha lanciato una finale europea come un veterano.

GIDEON 12: Ritornando indietro, nella gara di sabato la Fortitudo ha giocato una delle migliori gare dell’anno, trascinata da un super Matos, cha ha vinto la sfida contro Blackley.
MARCO NANNI: Nella gara di sabato invece siamo riusciti ad andare in vantaggio nei primi inning e questo ha dato tranquillità a noi e tolto aggressività nel gioco dell’Amsterdam rendencoci le cose più facili.
Matos quando riesce nel giusto mix di lanci e location diventa un lanciatore difficile per tutti, sabato ha fatto questo alla perfezione ed è venuta fuori questa super prestazione.

GIDEON 12: E ora sotto di nuovo con il Campionato. Quale sarà la medicina per superare questa delusione????
MARCO NANNI: Guardiamo i lati positivi e prendiamo spunto dagli errori (pochi) per corregerci e già da domani stando uniti supereremo la delusione di una coppa persa per un soffio.

GIDEON 12: Grazie mille per la disponibilità.
MARCO NANNI: Grazie a te.

ROAD TO BARCELLONA (10): IL SOGNO FINISCE IN FINALE. IL NETTUNO VINCE GARA E COPPA. APPLAUSI, MERITATISSIMI, A QUESTI RAGAZZI

da Barcellona (Spagna), GIDEON 12

Juan Pablo Angrisano, Matthew Stocco, Daniele Frignani, Joseph Mazzuca, Francesco Alaimo, Juan Carlos Infante, Giovanni Pantaleoni, Andrea D’Amico, Claudio Liverziani, Luca Breveglieri, Stefano Landuzzi, Jesus Matos, Victor Moreno, Yulman Ribeiro Perez, Fabio Betto, Fabio Milano, Alessandro Ularetti, Giuseppe Norrito, e lo staff tecnico composto da Marco Nanni, Fabio Frignani, Roberto Radaelli e Mauro Brandoli: grazie mille ragazzi per questa splendida avventura che ci avete regalato. Vittoria contro i più quotati olandesi dell’Amsterdam per 6 a 0, nella gara dove Jesus Matos ha brillato ancora una volta, e sconfitta nella finalissima per 1 a 0 contro il Nettuno, dopo nove drammatici inning nei quali la squadra ha lottato fino alla fine ma non ha avutio, forse, quel pizzico di fortuna che si meritava.
A vincere la coppa è il Nettuno, che ha avuto nel lanciatore Jeff Farnsworth (14 strike out alla fine per lui) e nell’ex Manny Gasparri gli uomini di punta, con il catcher autore della valida decisiva.

Di fronte ad una buona cornice di pubblico, si assiste ad una gara tra ottimi lanciatori: Farnsworth da una parte, Ribeiro dall’altra. Il pitcher biancoblù non subisce nulla al primo inning, mentre quello nettunese subisce valida in apertura da Infante ma, dopo aver conccesso la base ball a Stocco e con due eliminati, elimina al piatto Mazzuca.
Si arriva subito al momento decisivo della gara. Mazzanti va in base per ball. Sul tentativo di bunt di Gasparri, Stocco perde la palla e nel tentativo di eliminare il corridore avversario che si era allontato dalla prima base, lancia la pallina in prima ma il suo lancio improvviso e non preciso coglie impreparata la difesa e di conseguenza la pallina non viene fermata e raggiunge gli esterni permettendo al terza base nettunese di raggiungere la terza base. E qui, sulla valida di Manuel Gasparri, Mazzanti segna il punto che si rivelerà poi decisiovo. La Fortitudo non si perde d’animo e riempie subito cuscinetto di prima e seconda grazie alla base ball ricevuta da Angrisano e alla valida di Capitan Frignani. Breveglieri mostra il bunt ma è eliminato al piatto, imitato poi da Landuzzi e Infante. I tre inning successivi li fanno da padroni i lanciatori che non subiscono più nulla. Si arriva al sesto inning con Ribeiro che subisce valida da Alexander, che raggiunge poi la seconda su sacrificio di Tavarez. Nanni quindi sostituisce giustamente Yulman con Fabio Milano che si gioca Camilo in una sfida “mancino contro mancino”. E la scelta premia la mossa del Manager biancoblù in quanto Camilo è out al volto al centro. Milano concede poi la base intenzionale a Giuseppe Mazzanti ed è sostituito da Vic Moreno sul monte di lancio. Moreno, appena entrato, fredda Gasparri eliminandolo al piatto. Sempre 1 a 0 Nettuno.
Gli inning passano e Farnsworth rimane intoccablie. Ci prova Mazzuca a caricare i compagni con una valida ma il pitcher avversario è bravo a concludere l’inning senza subire punti e concedere altre valide, nonostante Joe fosse arrivato in terza base (saranno tre le volte in partita).
Mentre Moreno continua a fare il suo ottimo lavoro sul monte di lancio, la Fortitudo tenta di recupare la segnatura che la distanzia dal Nettuno. Pantaleoni, all’ottavo inning e con due eliminati, batte una valida interna ma Liverziani batte in diamante per il terzo out.
Si arriva quindi all’ultimo assalto al muro nettunese. Un doppio di Stocco riaccende le speranze dei tifosi bolognesi sugli spalti, e spinge Faraone al cambio sul monte. Entra Pezzullo. Mazzuca batte in diamante e Angrisano è out al volo. Vengono obbligate le basi con l’intenzionale a Frignani. Pezzullo si gioca Breveglieri e il lanciatore laziale ha la meglio. Strike out finale. Il Nettuno è Campione d’ Europa 2009, per il secondo anno consecutivo.

Ora bisognerà cercare di recupare tutte le forze, fisiche e morali, e cercare di continuare a fare bene in Italia, anche perchè la Fortitudo vista qui a Barcellona ha giocato molto bene, facendo entusiasmare i tifosi presenti. E con la possibilità di schierare tutti gli stranieri, Austin e Garabito inclusi, tutto è possibile…

ROAD TO BARCELLONA (9): I COMMENTI A CALDO DEI PROTAGONISTI DOPO LA SPLENDIDA VITTORIA CONTRO L’AMSTERDAM

da Barcellona (Spagna), GIDEON 12

Il suo nome è Matos. Jesus Matos. Si può riassumere in questo modo, parafrasando la celebre frase detta da James Bond, la superba e splendida gara lanciata dal pitcher dominicano che a suon di strike out (8) e numerose eliminazioni ha “matato” gli avversari olandesi così come l’agente segreto ferma i nemici più ricercati. Per Jesus questa è la terza vittoria contro una squadra olandese, dopo la prima ottenuta nel 2004 contro gli olandesi del Bussum (firmò una No- Hit, ovvero gara senza valide subite) e la seconda ottenuta contro il Door Neptunus nel 2006, dove lanciò 10 inning con 8 K nella gara vinta agli extra inning per 3 a 2.
Speriamo di continuare sempre così contro le squadre olandesi” ha detto al sito Grandeslam Jesus Matos appena terminata la partita, in virtù di questo buon feeling contro le compagini dei Paesi Bassi. Grande gara quella del lanciatore nato a San Pedro de Macoris “sono molto soddisfatto della mia prestazione ma soprattutto di quella della squadra che domani si giocherà la finale” ha aggiunto Jesus Matos. Alla domanda se c’è un trucco per fare sempre così bene, Matos ha poi concluso dicendo “l’importante è tirare sempre strike, anche quando le cose non vanno per il verso giusto. Si deve sempre mirare a fare bene“.
Se Matos era sicuro di giocare la semifinale già da qualche giorno come detto dal Manager Nanni su questo sito qualche giorno fa, chi è stato informato all’ultimo di una sua presenza in campo oggi è stato Luca Breveglieri, che ha sostituito in extremis Eddy Garabito, rimasto a Bologna causa febbre alta.
Il trucco è stato di restare tranquillo e di seguire i consigli dei compagni, come Claudio (Liverziani NDR)” ha detto Breveglieri, autore di una bella gara culminata con il punto battuto a casa del 5 a 0 grazie ad una valida. Quando ha fatto l’ultimo out della gara Stefano Landuzzi, ecco cosa ha pensato Luca “finalmente è finita. Gran partita ma questa è soltanto un prima parte. Domani viene il più difficile. Comunque grande prova della squadra” ha poi concluso Luca Breveglieri.
E’ dello stesso pensiero Juan Pablo Angrisano, autore di due valide (triplo e doppio) e di due RBI “è stata una grande gara giocata ottimamente da tutti i giocatori, dove tutti hanno fatto la loro parte e dove tutti sono stati determinanti per la vittoria“.
Il commento finale spetta al Manager Marco Nanni, che afferma “abbiamo giocato con cuore senza nessuna paura di vincere, adottando la mentalità giusta“. Infine aggiunge “se fino ad adesso l’obbiettivo era di arrivare in finale, beh da oggi è cambiato. Ora puntiamo a vincere la Coppa.”