FINALE SCUDETTO (7): IL FILM DI GARA 1 TRA IL CARIPARMA E LA FORTITUDO BOLOGNA

di DANIELE MATTIOLI

Il 27 agosto 2010 si è giocata al Nino Cavalli di Parma la prima gara di Finale Scudetto tra il Cariparma e la Fortitudo Bologna. Dopo nove inning di grande qualità, hanno trionfato Matos e compagni per 2 a 1. Rivediamo assieme tutte le giocate della gara nel Film di Gara 1, realizzato con le splendide foto scattate da Lorenzo Bellocchio.

Annunci

ALEX LIDDI GIOCHERA’ NELLA LEGA INVERNALE VENEZUELANA

da El Tigre (Venezuela), il corrispondente RUBEN HERNANDEZ

Questa è la notizia che renderà orgoglioso tutto il baseball italiano. Alex Liddi è ancora una volta nella storia del nostro sport.
Secondo fonti ben certe, Alex Liddi giocherà la Liga Invernale Venezuelana, primo giocatore italiano a riuscirci.
Il forte terza base militante nella franchigia dei Seattle Mariners sarà infatti un giocatore dei Cardenales de Lara ed è un importante innesto in vista della stagione prossima che partirà tra qualche settimana.
Merito di questo risultato va dato anche ai buoni rapporti che vi sono tra la squadra venezuelana e i Seattle Mariners.

LA RUBRICA”GRANDESLAM SHOW” ANDRA’ IN ONDA MARTEDI SERA

di DANIELE MATTIOLI

Ritorna la nostra rubrica radiofonica “Grandeslam Show”! Dopo la pausa di riposo, il programma sarà nuovamente in onda questa settimana nella giornata del tutto eccezionale di MARTEDI’, con orario di inizio previsto per le 20.30.
Si parlerà di tutto quanto è successo in queste due settimane di pausa, dalla Finale Scudetto IBL 2010, alla Coppa Italia IBL fino ad arrivare alle Coppe Europee di Softball e ai risultati MLB!

Appuntamento quindi previsto per martedì sera alle ore, 20.30! Nel link, il sito dove ascoltare la diretta: http://spreaker.com/show/grandeslam_show

FINALE SCUDETTO 2010 (6): LEZIONE DI BASEBALL DELLA FORTITUDO BOLOGNA CHE ESPUGNA NUOVAMENTE PARMA E CONDUCE LA SERIE 2 A 0

dal “Nino Cavalli” di Parma, DANIELE MATTIOLI

La Fortitudo Baseball espugna Parma anche in gara 2 e ribalta totalmente il fattore campo in queste Finali 2010. Subito in vantaggio, la squadra di Nanni ha subito la rimonta ducale prima, ma si è scatenata nella parte finale della gara, con una splendida “lezione” sull’uso dello squeeze play.

Con il punteggio fermo sul cinque a tre per Bologna a metà ottavo, Yepez trova un doppio sul Ribeiro, entrato due inning prima al posto di Cillo. L’interbase del Parma raggiunge il cuscino di terza sulla battuta in diamante di Camilo e si invola a casa sul bunt a sorpresa battuta sulla terza di Munoz. Sarebbe una grande giocata se non ci fosse un superlativo Mazzuca che difende ottimamente e assiste in prima a Malengo. Arriva l’eliminazione. Grande giocate per il terza base Fortitudo e Bologna continua a condurre 5 a 3, ad un inning dalla fine.

L’ARTE DELLO SQUEEZE PLAY Il pubblico locale si aspetta una difesa serrata da parte del Parma per cercare il “miracolo” sportivo all’ultimo inning, ma invece è la Fortitudo ha impartire una ripresa offensiva di puro spessore dal punto di vista tecnico e tattico.
Il neo entrato Orta colpisce Infante e subisce la valida da Mazzuca. Gilberto Gerali, Manager del Parma, opta per un nuovo cambio. Dentro Justin Cicatello, che ventiquattore ore prima avevo lanciato in gara 1.
L’impatto del neo entrato sulla gara è anche buono: Ramos è infatti eliminato al piatto, ma il giocatore oriundo manda in base Angrisano. Con le basi piene e un solo eliminato, il Manager Marco Nanni ordina lo squeeze play a Bidi Landuzzi, che lo realizza alla perfeziona. Valida interna e vantaggio Fortitudo che aumenta sul 6 a 3.
Si presenta nel box Checco Alaimo che imita il compagno con lo squeeze play che vale il 7 a 3. L’esterno destro è out nell’azione, ma il divario cresce ancora di più e non ci sono problemi per Fabio Milano ad ottenere gli ultimi tre della gara e la salvezza numero 59 in carriera. La Fortitudo sbanca il Nino Cavalli per la seconda volta nel giro di ventinquattore ore e conduce 2 a 0 la Finale Scudetto.

INIZIO GARA La partita era iniziata con Parma subito aggressivo nelle prime riprese sui lanci di un positivissimo Cillo, ma era la Fortitudo a passare in vantaggio con un inning, il terzo, che fruttava tre punti ai Campioni d’Italia in carica. Corradini, partente parmense, concede la base a Santaniello e segna punti sul doppio a sinistra di Garabito. Le basi ball consecutive a Infante e a Mazzuca riempiono le basi e ci pensa Ramos a colpire il doppio che porta a tre i punti di vantaggio per la Fortitudo.
Al quarto inning il doppio di Camilo permette a Parma di accorciare le distanze ma è spettacolare l’asse Alaimo-Malengo-Angrisano che eliminano a casa base Yepez nella stessa azione. Due inning più avanti Parma trova il modo di pareggiare con le valide di Munoz e Gasparri, ma la Fortitudo è una grande squadra e sorretta a dovere sul monte da Ribeiro (vincente) e Milano (salvezza) si riporta prima in vantaggio, per poi dare “lezione” sull’arte dello squeeze play. E il sogno continua…

FINALE SCUDETTO 2010 (5): LE INTERVISTE DEL POST GARA 1

dal Nino Cavalli di Parma, DANIELE MATTIOLI

Gara 1 è della Fortitudo, che espugna Parma dopo una partita di grande intensità. Ecco le interviste raccolte, in esclusiva, nel dopo gara a “Sua Maestà” Jesus Matos, al Capitano Bidi Landuzzi e al Manager Marco Nanni.

Sette anni in Italia (a Bologna) e non sentirli: ancora una volta, una splendida prestazione sul monte di lancio da parte di Jesus Matos che lascia a zero punti l’attacco parmense e ottiene la prima vittoria per lui e per la Fortitudo in questa Finale Scudetto 2010.
Sono molto contento di aver ottenuto questo successo” dice Jesus in esclusiva al sito Grandeslam “che ci ha permesso di partire con il piede giusto in questa Finale Scudetto“. Il lanciatore nato a San Pedro de Macoris continua poi e dice che “abbiamo giocato davvero bene l’incontro con la giusta mentalità e siamo stati concentrati fino all’ultimissimo inning. Speriamo di ripeterci anche domani (oggi NDI)”.
Credo a mio avviso che Matos si possa considerare come uno se non il migliore lanciatore della storia del Campionato Italiano. La prova di questa sera è un esempio, così come i numeri che, anno dopo anno, sono sempre straordinari” commenta il Capitano Stefano Landuzzi, alla sua prima finale in questo nuovo ruolo. E proprio riguardo a ciò, l’esterno sinistro della Fortitudo afferma che “ho subito forse un pò troppo la pressione dell’essere Capitano e questo, come un pò si è visto, ha influenzato in negativo la mia prestazione di oggi. Un commento sulla partita? Siamo stati bravi in difesa con alcune giocate di grande valore e sorretti da due lanciatori bravi come Matos e Moreno, siamo stati abili a concretizzare quanto il Parma ci ha dato“.
E’ dello stesso avviso il Manager biancoblù Marco Nanni che chiude le interviste del dopo gara, affermando che “siamo stati in grado di portare a casa una partita difficile e dal risultato stretto con una difesa in grande spolvero, un monte di lancio in ottima forma e con attacco che ha sfruttato le occasioni offerte dalla difesa avversaria“.

FINALE SCUDETTO 2010 (4): LA FORTITUDO ESPUGNA PARMA IN GARA UNO PER 2 A 1. DIFESA E MONTE DI LANCIO DA APPLAUSI

dal “Nino Cavalli” di Parma, DANIELE MATTIOLI

In una bella cornice di pubblico, la Fortitudo trova la vittoria (2 a 1) nella prima gara di Finale Scudetto. Matos e Moreno splendidi sul monte, la difesa è da applausi a scena aperta.

Un qualche giornalista alla vigilia aveva criticato Matos definendolo come il lontano parente di quello che aveva dominato le passate stagioni.
Beh, direi che dopo la gara di ieri sera, non ci sono dubbi: Jesus Matos è ancora il miglior lanciatore della Lega e ancora una volta ha imbrigliato alla perfezione le mazze del Cariparma ed esce, sotto la stading ovation del pubblico bolognese, con la vittoria in tasca senza subire punti. E la Fortitudo espugna 2 a 1 il Nino Cavalli di Parma nella prima partita di Finale Scudetto.

LA SFIDA E’ la gara del lanciatore straniero e qui a Parma si è vicinissimi al tutto esaurito con circa un centinaio di tifosi biancoblù al seguito della squadra. Sul monte di lancio si sfidano Gustavo Martinez per i locali e Jesus Matos per gli ospiti, in un match che promette scintille. E i primi due inning sono infatti subiti ricchi di pathos, con Matos che esce indenne da una situazione difficile al primo inning per via di un errore difensivo, e Martinez che viene “graziato” dalle mazze Fortitudo al secondo inning, quando gli uomini di Marco Nanni lasciano sulle basi i primi due giocatori dell’incontro. Ma questo è solo un piccolo avvertimento.

VANTAGGIO BOLOGNA Inizia il terzo inning e la Fortitudo trova la valida a destra con Livinston Santaniello. Garabito viene eliminato da un splendida giocata di Ugolotti, terza base parmense, ma è l’indecisione di Bertagnon a costare caro ai padroni di casa. Il seconda base bolognese tenta la rubata ma viene intrappolato a metà corsia dal ricevitore ducale che, invece di assistere in terza, lancia in seconda permettendo a Santaniello di raggiungere salvo il cuscinetto. E la volata di sacrificio di Joe Mazzuca porta in vantaggio la Fortitudo.

TOP PLAYERS IN ACTION La partita poi continua restando in equilibrio. Alla quinta ripresa, il Cariparma tenta di impattare il risultato. Con un eliminato, uno scatenato Dallospedale (il migliore dei suoi, 3 su 5 alla fine) trova la valida, ma la battuta in foul di Yepez, è presa al volo da uno strepitoso Joe Mazzuca che a “fil di rete” elimina il secondo battitore. Camilo, però, batte un doppio e con gli uomini in posizione punto, è Infante ad eliminare con una presa in tuffo spettacolare la secca linea di Alex Sambucci e a chiudere l’inning. Mazzuca&Infante: top players in action.

DOPPIO VANTAGGIO Nella ripresa sucesssiva, la Fortitudo si porta sul 2 a 0. Uno strepitoso Joe Mazzuca batte un doppio a sinistra e sul tentativo di bunt di Jairo Ramos ruba la terza base, cogliendo impreparata la difesa locale. E con l’uomo in posizione punto, è Bidi Landuzzi a portare a casa il punto che vale il doppio vantaggio Bologna.
Dopo 6.2 riprese esce dalla gara, tra gli applausi del pubblico bolognese, Jesus Matos, che si dimostra ancora una volta il miglior lanciatore dell’intera IBL. Al suo posto, sale a lanciare Vic Moreno.

RIMONTA FALLITA Mentre anche il Parma opta il cambio sul monte (dentro Cicatello per un buon Martinez), i ducali ritornano prepotentemente in gara nel corso dell’ottava ripresa.
La luce inganna Bidi Landuzzi sulla battuta di Camilo che si trasforma in un singolo. Il doppio lungo la linea di foul di Gasparri fa accorciare le distanze ai padroni di casa che fanno entrare a correre, come pinch runner, Bianchini. E immediatamente Moreno lo coglie fuori dal cuscinetto di seconda, per l’eliminazione numero due dell’inning.
Riccardo Bertagnon batte, però, una lunga pallina a destra che si perde contro le recinzioni, ingannando anche il pubblico di casa che reclama il fuoricampo. Gli arbitri però vedono bene e chiamano il doppio del ricevitore parmense. Il pubblico e la panchina locale non ci stanno ed è provvidenziale l’intervento dello speaker a tranquilizzare gli animi, in quanto dai replay televisivi è evidente che la pallina non è uscita. E per Vic Moreno, dopo un attimo di sbandamento, arriva l’eliminazione su Zileri che chiude l’inning, e poi senza problema porta a casa la salvezza alla nona ripresa. Il Nino Cavalli è espugnato: la Fortitudo passa 2 a 1.

FINALE SCUDETTO 2010 (3): A POCHE ORE DALL’INIZIO DI GARA 1, TRACCIAMO UN RIASSUNTO DELLA STAGIONE E DELLA POULE SCUDETTO CON FRANCESCO ALAIMO

di DANIELE MATTIOLI

In pochi avrebbero scommesso sulla Fortitudo in Finale ad inizio anno. E invece la squadra di Marco Nanni potrebbe firmare un clamorso “back to back”, ovvero ripetere la vittoria dello scorso anno. Abbiamo parlato, in esclusiva, della Finale Scudetto e della Poule Scudetto con uno dei protagonisti della stagione biancoblù, Francesco Alaimo.

Da stasera si fa sul serio. Alle ore 21.00, al nuovo “Nino Cavalli” di Parma, si gioca per il titolo di Campione d’Italia. Cariparma vs Fortitudo Bologna. Una sfida infinita, una sfida che si preannuncia di grande intensità.
La Fortitudo Bologna non era stata data tra le favorite per l’accesso alla Post Season e per di più nemmeno per qualificarsi alla Finalissima. E invece, la squadra allenata da Marco Nanni ha firmato un’altra volta un bel pezzo di storia e si trova di nuovo a lottare per il titolo.
Abbiamo parlato di questo e altro con uno dei protagonisti di questa Fortitudo 2010, Francesco Alaimo

DANIELE MATTIOLI: Ciao Francesco.
FRANCESCO ALAIMO: Ciao a tutti.

DANIELE MATTIOLI: A inizio anno, alcuni giornalisti vi avevano dato fuori dai Playoff e invece eccovi qui a lottare per il Titolo. Com’è stato ancora una volta ribaltare i pronostici?
FRANCESCO ALAIMO: E’ sempre bello poter cambiare i pronostici, ti da soddisfazione e fai vedere quanto veramente vali alle persone che non credono nelle tue potenzialità.

DANIELE MATTIOLI: Dopo un finale di Regular Season deludente, ecco arrivare la Poule Scudetto dove chiudete al primo posto. Se dovessi scegliere una giocata chiave, quale prenderesti?
FRANCESCO ALAIMO: Come giocata chiave non saprei proprio dirti, speriamo di avere la stessa grinta dei playoff anche ora nelle finali.

DANIELE MATTIOLI: Tra voi e il titolo c’è il Cariparma squadra forte in ogni settore. Quanto senti la tensione dell’incontro?
FRANCESCO ALAIMO: Io personalmente cerco sempre di non farmi prendere dalla tensione. Ad essere sincero ora non la sento.

DANIELE MATTIOLI: Sempre del Cariparma, se dovessi scegliere un giocatore da togliere al roster per la bravura, chi prenderesti?
FRANCESCO ALAIMO: E’ una squadra forte, come hai detto tu prima, in ogni reparto, ma sicuramente Marco Yepez è quello che toglierei.

DANIELE MATTIOLI: E infine una domanda sul tuo utilizzo. Come ti trovi a giocare da esterno quando tu sei propriamente un interno?
FRANCESCO ALAIMO: Non è la prima volta che gioco esterno, però ora è a tempo pieno. Certo è diverso, cambiano molte cose ma alla fine non mi trovo male.

DANIELE MATTIOLI: Grazie per la disponiblità.
FRANCESCO ALAIMO: Grazie a te.