RIPARTE IL CAMPIONATO IBL: E’ SUBITO DERBY TRA GODO E RIMINI. FESTA PER I 150° ANNI DELL’UNITA’ D’ITALIA AL “CASADIO”

da Godo (RA), MARA MENNELLA

Riparte dopo la pausa per la Coppa Campioni, il campionato italiano di baseball con la De Angelis Godo impegnata contro la Telemerket Rimini. Grande festa al “Casadio” per i 150 anni dell’Unità d’Italia.

Dopo la settimana dedicata alla European Baseball Cup, il campionato italiano è pronto a ripartire.
Non sarà un inizio facile né per i De Angelis North East Knights né per la Telemarket Rimini, la rivale del trittico di questa settimana.
La De Angelis ha dimostrato forza e aggressività soprattutto nella seconda parte del girone di andata, riuscendo a strappare una partita a Parma e Bologna e a completare lo sweep sul Novara. Da migliorare certamente la media battuta di squadra, .205, e la media PGL, 5.93. Rimini cerca invece la riscossa. L’abbandono del quinto posto, quindi l’ennesimo addio al post season, non è pensabile per una squadra che vanta giocatori come Chaves, Nelson e Phelps, ottimi nel box di battuta ma che non riescono a trascinare una squadra appesantita dalla stanchezza dei lanciatori.

Difficile fare dei pronostici dopo la fine delle prime sette giornate di campionato e dopo questa settimana di stop: il riposo avrà giovato ai lanciatori riminesi? Avrà migliorato le condizioni fisiche di alcuni del roster della squadra di casa?
Le prime risposte arriveranno questa sera, sperando che il tempo incerto permetta alle due squadre di affrontarsi.

Questo clima così carico di aspettative verrà alleviato dalla festa tricolore dello stadio “Casadio” di Godo. La partita di stasera alle ore 21, in diretta su Rai Sport2, sarà dedicata ai 150 anni dell’Unità d’Italia. L’ingresso sarà gratuito per tutti i ragazzi e le ragazze sotto i 18 anni e per tutti i membri delle forze dell’ordine, protezione civile e associazioni combattentistiche della Provincia di Ravenna.
Prima dell’incontro il diamante sarà occupato dai ragazzi delle giovanili di Baseball di tutta la provincia di Ravenna. Inoltre sarà messa in vendita una serie limitata di cappellini dei Knights che onora proprio l’anniversario della nostra Nazione. La società invita tutti coloro che si recheranno allo stadio a portare con sé la propria bandiera italiana per rendere ancora più patriottico l’impianto di Via Rivalona. La serata è organizzata in collaborazione con il Comune di Russi, il Comune di Ravenna, il Comitato Provinciale per le Celebrazioni del 150° dell’Unità d’Italia e Ravenna Risorgimento.

Annunci

GROSSETO ABBATTE I NORTH EAST KNIGHTS CON UN GRANDE SLAM

di MARA MENNELLA

La squadra romagnola, in trasferta in Maremma, non riesce ad inquadrare i lanciatori del Grosseto. I maremanni approfittano molto bene i cali dei due lanciatori Rodriguez e Tebaldi, realizzando la prima vittoria della giornata con il risultato di 10 a 1.

I De Angelis North East Knights soccombono nella prima gara contro il Grosseto.
Se per i primi tre inning la situazione era rimasta più o meno stabile, al quarto il Grossetto mette a segno ben sei punti e decide così la partita.
Una scossa arriva nella parte alta del quarto inning: Fuzzi raggiunge la prima su errore della difesa, McClain lo sposta in seconda con un singolo e entrambi avanzano ancora di una base con la battuta di Sanchez che arriva in prima su errore dell’interbase. Con tre uomini in base Naldoni viene eliminato per infield fly e Meriggi va strike out, lasciando così ben tre uomini sulle basi e vanificando la possibilità di concretizzare qualche punto. Sempre al quarto inning, con il Grosseto all’attacco, la partita cambia. Rodriguez mette in base per ball Bischeri e concede un singolo al centro a Maza. Perez spinge a casa il primo punto maremmano con un singolo. Un’altra base per ball riempie il diamante e il 2 a 0 arriva con un’altra base per ball a Mazzanti. De Donno approfitta del calo di Rodriguez e svuota le basi con un grande slam. L’inning si chiude con un singolo di Vaglio, rimasto però inconcluso con l’eliminazione al volo di Bischeri.

I Knights non demordono: al quinto Bottaro batte un singolo a destra. Bucchi arriva in prima con una base per ball e Bottaro ritorna a casa grazie al doppio di Fuzzi che determina il 6 a 1. Il cambio sul monte di Tebaldi per Rodriguez mantiene la situazione equilibrata fino all’ottavo inning. La ripresa si apre con un singolo di Perez e una base a Gasparri. Le basi si riempiono con un’altra base a De Donno e con il doppio di Vaglio entrano altri due punti. Il successivo singolo di Bischeri fa entrare altri punti e determina il punteggio finale di 10 a 1.

CAVALIERI SCONFITTI DAI PIRATI NEL PRIMO TRITTICO 2011. MA ARRIVANO I RINFORZI

da Godo, MARA MENNELLA

Il campionato si apre con uno sweep del Rimini su Godo. Molte cose da sistemare, ma un altro gradito ritorno cambierà la situazione: Lino Connell, lo scorso anno a Nettuno, sarà uno dei coach non solo per l’IBL ma anche per la franchigia RomagnA B.C.

Il Manager Daniele Fuzzi è stato molto chiaro: “Godo è vista come la squadra materasso. Con tutti gli sforzi che stiamo facendo non possiamo puntare solo alla salvezza: dobbiamo reagire e scontrarci con squadre molto più quotate”.
L’entusiasmo non è bastato contro una delle candidate allo scudetto 2011, la Telemarket Rimini. Battitori come Bryant, Chaves e Phelps metteranno in difficoltà, senza ombra di dubbio, lanciatori molto più potenti di quelli godesi.

Gara1 è stata determinata non dai lanciatori, come di solito succede per la gara dello straniero, ma dalla difesa. Entrambi i lanciatori della prima sfida del trittico si sono dimostrati all’altezza della squadra avversaria: il partente Rodriguez ha chiuso cinque inning con sei strike out e due basi su ball, con un solo PGL, mentre Ulloa ha concesso due valide. I cinque punti entrati sono da imputare quasi tutti alla difesa, spesso assente in momenti di gioco cruciali e con errori che hanno determinato il risultato della partita.
Completamente da dimenticare Gara2: non convince per nulla il partente Arismendi, che solo nel primo inning ha concesso tre basi su ball, quattro punti e due valide, tra cui il grande slam di Bryant. Non migliora negli inning successivi, arrivando a subire altri cinque punti e sette valide. Il diciannovenne Teixeira è molto più fastidioso sul monte, ma deve ancora lavorare per farsi valere.
In gara3 buon inizio per il partente Galeotti. Si fa però sottomettere dalle mazze riminesi subendo otto punti prima di essere sostituito da Del Bianco. Buona prestazione per il veterano riminese, per Briggi e per Nyari, che ha dimostrato molta grinta sul campo con un’ottima assistenza in tuffo che ha determinato l’eliminazione in prima di Chiarini.
Con tre sconfitte, i North East Knights sono ultimi in classifica in buona compagnia: anche Parma e Nettuno hanno subito un inaspettato sweep da Bologna e San Marino.

Arriva però un’ottima notizia a risollevare il morale dei cavalieri: torna a Godo Lino Connell che, nonostante la squalifica dell’anno scorso, ha dato la sua disponibilità ad aiutare i progetti di sviluppo della franchigia veneto-romagnola nel campo tecnico. Già da questa settimana si aggregherà allo staff tecnico di IBL1 per gli allenamenti e ha dato la disponibilità a lavorare con la franchigia RomagnA B.C. per aiutare la crescita dei settori giovanili.

Nella conferenza stampa prima delle gare è stata molto sottolineata l’importanza delle giovanili e della diffusione del movimento. Il team manager Mignola ha dichiarato: “Il nostro manager Fuzzi è un prodotto del vivaio godese, oltre ad essere l’allenatore più giovane. Siamo sempre più convinti che questa sia la strada giusta. Un altro progetto che vorremmo vedere concretizzato –continua Mignola- è quello della polisportiva proposta dal sindaco Matteucci. Condividendo, tra le altre cose, un fisioterapista e i trasporti ogni squadra risparmierebbe circa 25mila euro. Lancio la convocazione alle altre squadre: se si dovesse rimanere in pochi eletti, sarebbe un club d’elite e non una polisportiva

IL BASEBALL ITALIANO SEMPRE PIU’ INTERNAZIONALE

da Godo, MARA MENNELLA

Il 14 aprile inizierà la stagione 2011 dell’IBL e sarà la prima volta di Terrence McClain in Italia, con il Godo. La sua ex squadra, i Victoria Seals, lo saluta, dandoci lo spunto di osservare come viene visto il nostro baseball all’estero.

Il 22 febbraio spunta sul blog dei Victoria Seals un interessante articolo.

Titolo: Terrence McClain giocherà in Italia nel 2011.

Un titolo non molto “catchy”, attraente, per noi italiani. Ma mettiamoci nei panni dei canadesi: hanno da poco smesso di chiedere ad Alex Liddi perché mai si è messo a giocare a baseball e non a calcio. Figuriamoci quanto può essere scioccante per loro vedere andare via un giocatore che ha chiuso la stagione con .330 AVG (la media battuta), .528 di SLG (la percentuale di battute valide che non sono singoli), 14 homers e 63 RBI in 339 turni di battuta validi.

Il suono della “Detenuto Musica” risuonerà per un campo di baseball nel nord Italia: Terrence McClain ha firmato con una squadra di baseball professionale italiana. T-Mac giocherà per i Godo-Verona (“North East”) Knights nella IBL. Per i Victoria Seals T-Mac è stato uno dei più divertenti Seals da vedere al Royal Athletic Park la scorsa stagione

Qui inizia la parte più divertente, quella degli stereotipi come “Italia: pizza, mandolino, mafia”. Nel nostro caso “Ma in Italia si gioca a baseball?”.
Mentre alcuni potrebbero ridacchiare al pensiero che in Italia si giochi a baseball professionalmente, la lega non deve essere ritenuta di poco conto. Ci sono molti giocatori americani che si sono lasciati allettare dalla lega, incluso l’ex Toronto Blue Jay Josh Phelps (che ha firmato per la stagione 2011 con la Telemarket Rimini, NDT).”

Il redattore dell’articolo sembra essere molto interessato al baseball italiano, tanto da consigliare un libro che parla proprio di baseball:
Se state cercando un testo base per capire il baseball professionale italiano, vi consiglio “Baseballissimo”, scritto dal musicista e scrittore Dave Bidini. Nonostante Bidini abbia seguito una squadra di Serie B, i Nettuno Peones, il libro dà al lettore una grande panoramica della passion che un significativo numero di Italiani ha per il baseball” (Sulla pagina Facebook di Dave Bidini alla sezione “Film” compare anche “Baseballissimo”, segnato come “in development”, in fase di sviluppo, NDT)

Auguriamo a T-Mac tutto il meglio in Italia. Basandomi sul libro di Bidini e su un mio viaggio in Italia qualche anno fa, vivrà un’esperienza che ricorderà per il resto della sua vita.”
Ci soddisfa molto vedere che del nostro paese, in fondo, non è tutto da buttare via.

L’articolo si chiude con un P.S.: “Nell’ultimo mese questo blog ha avuto più accessi dall’Italia di quanti ne abbia mai avuti da altre nazioni del mondo, a parte Canada o Stati Uniti. Ci piacerebbe pensare che il fan club di T-Mac abbia avuto il suo inizio proprio qui, su questo blog…

Un grosso in bocca al lupo da parte nostra va non solo a McClain, ma a tutti i giocatori stranieri che tra poco verranno catapultati nella realtà del baseball italiano. Speriamo di non fare brutte figure!

IL SITO “GRANDE SLAM: IL BASEBALL VISTO DA UN TIFOSO” COMPIE OGGI TRE ANNI

Il sito “Grande Slam: Il Baseball Visto Da Un Tifoso” compie oggi gli anni. Sono tre anni “cronologici” per quattro stagioni coperte. Il tutto è nato per caso il 29 marzo 2008. Ringraziamenti a tutto lo staff e a voi lettori, ogni giorno sempre più numerosi.

Chi l’avrebbe mai detto. Era il 29 marzo del 2008 quando decisi di aprire questo sito/blog, un pò per caso, un pò per scrivere di uno sport che mi ha preso dal primo momento, quando i miei genitori, in occasione del mio decimo compleanno, mi hanno regalato mazza, guantone e il gioco per PC della EA Sports “Triple Play 2001”, che ho consumato a forza di giocarci.
Ora tre anni dopo, se consideriamo l’annata 2008 come numero zero, sono ancora qui a raccontare quello che succede nel mondo del baseball. Anzi, siamo. Proprio così, perchè con il passare del tempo altri appassionati e cari amici si sono aggiunti nello Staff del sito. Alcuni di loro ci hanno salutato – David Bucci e Marco Dalla Vite – altri invece scrivono ancora e con successo.
Il primo della lista è Emiliano Delucca e la sua magnifica rubrica “Golden Glove”, che racconta, con anedotti e curiosità, le vite dei grandi giocatori di Major League e che è un grandissimo successo anche negli USA, con moltissimi lettori statunitensi pronti a leggere i lavori del nostro “Special One”.
Sono poi entrati nello Staff, Ruben Hernandez e Mara Mennella, ambedue importantissimi corrispondenti del sito: il primo è la nostra fonte di sapere dal Venezuela, mentre Mara è la nostra voce da Godo, con il resconto di quello che accade nel mondo del batti e corri della cittadina romagnola. Il loro contributo alla crescita di questa pagina è veramente importante.
Tranquilli. Non mi sto dimenticando di nominare l’immenso e unico Lorenzo Bellocchio, fotografo del sito e da sempre eterna risorsa di foto rigurdante la Fortitudo Bologna. Tutti i meravigliosi scatti sulla squadra Campione d’Europa sono suoi.

Che dire ora. Il 2010 è stata un’annata epica per il sito. Abbiamo ricoperto dal campo tutte le competizioni per club più importanti al mondo, dal campionato italiano di IBL, alla Coppa Campioni, fino ad arrivare alla Major League, con il resoconto in diretta dagli USA delle World Series.
A questo punto, si potrebbe dire di aver raggiunto l’apice con l’annata passata. E invece non è così. Come in ogni cosa si può sempre migliorare e questo sarà il nostro motto per la stagione 2011. Annata, che in vostra compagnia, cari lettori, sarà ancora una volta spettacolare!

E mi raccomando: non perdete questa sera una nuova speciale intervista per festeggiare al meglio il compleanno del sito!

Daniele Mattioli

I GODO-VERONA KNIGHTS CHIUDONO LE TRATTATIVE PER IL MERCATO STRANIERI, TRA GRADITI RITORNI E INTERESSANTI NOVITA’

da Godo, MARA MENNELLA

I Godo Verona Knights chiudono le trattative per il mercato stranieri. Ritornano Sanchez e Ulloa e scommettono su “nuove proposte” come Rodney Rodriguez, René Leveret e Terrence MC Clain. In partenza Tanesini e Sikaras.

Anche in tempi di ristrezze economiche c’è bisogno di investire per fare bella figura nel panorama della IBL1. I Godo Verona Knights si lanciano nel baseball mercato e portano a casa alcuni stranieri molto interessanti. Le prime conferme sono gli ex Danilo Sanchez ed Enmanuel Ulloa, entrambi dominicani. Sanchez, 30 anni, ricoprirà il ruolo di catcher titolare, vuoto dopo la partenza di Sabbatani, e rinforzerà il line-up del coach Fuzzi. Ulloa, 29 anni, lanciatore destro, molto probabilmente avrà l’onore e l’onere di essere il partente di gara1. Al suo fianco una nuova entrata, sempre dominicana: si tratta di Rodney Rodriguez, classe 1982. La scorsa stagione ha giocato nella Lega Professionale Nicaraguense con gli Orientales di Granada ottenendo 2.32 di PGL, 35 basi su ball e ben 93 strike out in 16 partite giocate. Ma i lanciatori, ovviamente, non sono i soli protagonisti di questo mercato: i Godo Verona Knights hanno ingaggiato anche l’atleta di nazionalità antillana, con passaporto francese, Rene Alexander Leveret. Nato nelle Antille Olandesi nel 1985, è cresciuto nelle Minors tra le fila dei Minnesota Twins. Leveret è stato uno dei protagonisti della vittoria del titolo 2011 dei Les Capitales du Quebec, squadra di Can-Am League, lega indipendente, dove ha svolto il ruolo di prima base e battitore designato. Ha chiuso la stagione con .309 di avg., 11 doppi e 4 fuoricampo. Anche nei North East Knights avrà il ruolo di prima base e l’importante compito di trascinare la squadra con il suo poderoso giro di mazza. Ultimo acquisto straniero è l’esterno Terrence Mc Clain, statunitense del Tennesse, classe 1979. Mc Clain non è solo un battitore di potenza –nell’ultima stagione ha raggiunto i .300 di avg con 23 doppi, 1 triplo e 4 fuoricampo-, ma è anche veloce, con 19 basi rubate su 23 tentativi. Arrivi, ma anche partenze: oltre a Sabbatani, anche l’ex capitano Paolo Tanesini e il lanciatore di origine greca Panagiotis Sikaras sono stati ceduti in prestito alla Telemarket Rimini. Quella di Tanesini è stata una cessione sofferta: l’esterno centro è stato uno dei protagonisti della miracolosa promozione in A1. Ex capitano della squadra, è uno dei più apprezzati giocatori del farm system godese, non solo dagli addetti ai lavori, ma anche dai tifosi.

MIRACOLO GODO ANCORA UNA VOLTA: ISCRITTO ALL’ITALIAN BASEBALL LEAGUE

da Godo, MARA MENNELLA

Inizio di anno positivo per la squadra romagnola: ammessa in via eccezionale al campionato 2011, è già al lavoro per poter mettere in campo una squadra in grado di competere con le “big” dell’IBL.

Le voci si rincorrevano: è fuori, non ce la fa neanche per la serie B. E invece la piccola grande Godo è riuscita ancora una volta a compiere il miracolo. È stata ammessa, nonostante il ritardo nell’iscrizione e le dichiarate difficoltà economiche, al campionato di IBL1. La FIBS ha comunicato proprio oggi la decisione di includere anche il Godo fra le (forse) otto squadre del massimo campionato italiano. Chi criticava le franchigie potrebbe cominciare a cambiare idea: Godo è salva anche grazie alla gemellata Verona. Le due società non volevano vedere anni di sacrifici e di attività ad alto livello andare in fumo. I dirigenti decidono quindi di provare con la fusione, ipotesi inizialmente esclusa: lavorano fianco a fianco per tentare questa grande impresa. Dopo settimane di tribolazione, oggi l’ufficialità: i Godo Verona Knights non staranno a guardare e saranno in campo per la stagione 2011. In IBL2 un’altra squadra veronese in crescita: i Dynos Verona.

Il presidente del Godo Lino Ceccarini afferma soddisfatto: “E’ l’ennesimo miracolo di Godo. Cercheremo di disputare un campionato più soddisfacente possibile mettendo in campo i ragazzi dei vivai di Godo e di Verona. Le due società –continua Ceccarini- avranno lo stesso indirizzo e lavoreranno in simbiosi”. Per la squadra di IBL1 ci saranno i due presidenti, Ceccarini e Luciano Risi per Verona, un direttore e un team manager, ancora da definire. Da comporre anche lo staff tecnico: uniche certezze sono Daniele Fuzzi, nominato head coach, e la collaborazione tra tecnici godesi e veronesi. Le partite verrano inoltre divise tra i campi di Verona e Godo.

Nonostante le incertezze, fini dai primi di gennaio la società si è messa al lavoro per cercare nuovi giocatori da portare in Romagna. “L’unione con Verona vedrà molti italiani nel roster”, afferma il responsabile comunicazione e marketing Marco Mignola, “per cui l’orientamento al mercato straniero e oriundi sarà minimo e razionale, nel rispetto rigoroso dei limiti di budget e della valorizzazione degli atleti di scuola italiana.” Al momento la squadra si trova però senza il suo catcher di riferimento, Marco Sabbatani, ceduto alla Fortitudo Bologna. “Dispiace sempre che un prospetto come Sabbatani parta, ma questo ci rende fieri del nostro settore giovanile, capace di sfornare talenti, sebbene non con gli stessi numeri dei vivai di Parma e Nettuno”, continua Mignola.
Proprio come nel Medioevo si dimostrano “knights”, cavalieri, ostinati e combattivi.